Descrizione immagine

Archivio referenze attivate

Referenze edizione 2018

AI-003 Stazione ferroviaria di Allumiere
La stazione ferroviaria di Allumiere è la terza stazione che si incontra sulla linea che collegava
Civitavecchia Capranica e Orte, dopo queste stazioni, è una delle due più importanti di tutta la
linea che ricordiamo essere stata inaugurata nel 1928. La stazione è situata nella campagna che si estende lungo la valle del fiume Mignone che in passato furono oggetto di importante sfruttamento agricolo con le aziende dei marchesi Sacchetti e Guglielmi.
La stazione infatti facilitò notevolmente la movimentazione di operai e sopratutto di merci.

Descrizione immagine

AI-012 Miniere di manganese di Canale Monterano
Nel territorio vulcanico compreso tra i monti della Tolfa ed il lago di Bracciano si eseguirono molti lavori minerari alla ricerca di minerali ferrosi. Proprio in questi lavori negli anni 50 del secolo scorso furono intraprese importanti ricerche minerarie. Tra le più importanti quelle per la ricerca di manganese, che a causa delle basse quantità non non poteva giustificare un'estrazione in larga scala a causa delle basse quantità rinvenute.

Descrizione immagine

AI-027 Edificio del ferro
Nei monti della Tolfa, tra i tanti minerali rinvenuti ci furono anche l'ematite e perite da cui era facile ricavare ferro. Già conosciuti in epoca antica, solo nel XVII secolo avvenne uno sfruttamento più intenso che portò alla costruzione nel 1847 di uno stabilimento per la produzione di ferraccio dal minerale estratto dalle miniere sul posto. Purtroppo lo stabilimento ebbe vita breve a causa della scarsità di minerale che si era riusciti a trovare con le tecniche si scavo conosciute fino a quel tempo.

Descrizione immagine

AI-028 Miniera di marcassite della Roccaccia
Nell'alta valle del marangone nel 1939 fu individuato un giacimento di marcassite, minerale da cui si produce acido solforico e perossido di ferro. Il giacimento, interamente nel sottosuolo, venne sfruttato fino al 1959 dalla società Bomprini Parodi Delfino. Il minerale estratto veniva trasportato al suo stabilimento di Colleferro in cui si producevano anche polveri esplosive. La miniera della Roccaccia venne chiusa, oltre per il prossimo esaurimento del minerale, anche per gli impianti ormai troppo obsoleti e non sicuri.

Descrizione immagine

AI-027 Cartiera di Ronciglione
Ronciglione diventa famosa fin della fine del 1800, oltre per le industrie per la lavorazione del
ferro, anche per la sue cartiere. Sempre servite delle acquee del Rio Vicano, nascono almeno 2 importanti stabilimenti per la produzione di cartapaglia ottenuta dalla lavorazione dei sottoprodotti dell'industria cerealicola. Questo tipo di industria vedrà anche impiego di un notevole numero di donne a cui venifa affidato il compito di stendere i fogli di carta per permettere l'essiccazione al sole oppure davanti all'aria calda prodotta dai forni.

Descrizione immagine

AI-030 Opere idrauliche sul fiume Marta
Il fiume Marte nasce dal lago di Bolsena proprio nella cittadina che gli da il nome. E' il solo emissario. Dopo 50 km sfocia nel mar tirreno tra Tarquinia e Montalto di Castro. Lungo il suo percorso incontra varie canalizzazioni e sbarramenti per consentire lo sfruttamento delle sue acquee a livello industriale o agricolo. La prima opera idraulica incontrata è proprio nel punto partenza sulla sponda del lago: si tratta di un sistema di chiuse della fine del 1800 (ancora in funzione) che permettevano di regolare il flusso di acqua da immettere nel fiume a secondo delle necessità di sfruttamento.

Descrizione immagine

AI-031 Stabilimento esplosivi Montecatini a Tarquinia
La società Montecatini (Società Generale per l'Industria Mineraria e Chimica nata nel 1888) fu
importante industria italiana che si occupava della produzione di fertilizzanti, acidi, gas, lubrificanti, farmaci ed esplosivi. E fu proprio per la produzione di esplosivi che dai primi anni 30 del secolo scorso impiantò un importante stabilimento per la produzione di escplosivi e munizioni nella piana del fiume Marta a Tarquinia. La sua produzione era in maggior parte assorbita dal vicino deposito munizioni dell'Esercito che a sua volta smistava via ferrovia. La fabrica rimessa continuò la sua produzione fino agli anni 60 anche con altri prodotti chimici.

Descrizione immagine

AI-032 Centrale idroelettrica di Tuscania
Nel territorio di Tuscania, attraversato dalle acquee del fiume Marta, nasceranno molte centrali idroelettiche. La prima sarà quella di San Savino nei primi anni del 1900 ad opera dell'Ing. Angelo Frigo. Nel 1920 arriverà la centrale di Fioritella ad opera della Società Romana Elettricità che costrui in seguito anche la Centrale La Marta e Traponzo che risulterà la più potente capace di servire anche località più lontane come Tarquinia e Civitavecchia. L'ultima realizzata fu la centrale Nuova situata piùa nord di tutte. Quasi tutte le centrali rimasero in funzione fino agli anni 60. Oggi, gestite dall'Enel, alcune di esse sono tornate in attività.

Descrizione immagine

Referenze edizione 2017

AI-005 Stazione Ferroviaria di Civitella Cesi

La stazione di Civitella Cesi rappresenta la quinta stazione della ferrovia Civitavecchia  - Orte inaugurata nel 1928 ed è situata a 36 Km da Civitavecchia. Completamente immersa nella campagna, era di vitale importanza per i braccianti agricoli e gli abitanti della zona seppur il centro abitato di Civitella Cesi è distante circa 8 km.

La stazione, dopo la chiusura al normale esercizio della ferrovia nel 1961, continuò a vivere fino ai primi anni 70, perchè scelta come punto di arrivo di convogli di materiali e mezzi per il vicino poligono militare.

attivata a 

Maggio 2017

Descrizione immagine

AI-011 Solfata di Manziana

La solfatara di Manziana è uno stabilimento di lavorazione dello zolfo estratto in loco sia a cielo aperto che in galleria, realizzato alla fine degli anni 60 del secolo scorso dalla società Montecatini. Lo stabilimento passo poi alla società Motosi che, alla lavorazione dello zolfo, andò a affiancare anche quella della fluorite proveniente da cave vicino Bracciano.

attivata a 

Giugno 2017

Descrizione immagine